Questo sito utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.

Se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente. Scopri l'informativa e come negare il consenso.

Newsletter del 11 luglio 2017

Stampa
Se non riesci a visualizzare bene questo messaggio, clicca qui per vederlo direttamente dal nostro sito.
 
 
news2016 header
 

 

Newsletter del 11 luglio 2017

Notizie Flash - 20 Settembre 2017

Cari soci,

tante sono state le manifestazioni di entusiasmo riportate dai soci che hanno avuto l'opportunità (e le gambe) di partecipare alla Maratona delle Dolomiti; con questa newsletter completiamo i commenti che ci sono pervenuti. Domenica prossima numerosa sarà la presenza del Genova alla Casartelli e per farne un successo stiamo affinando gli ultimi dettagli organizzativi che sono riportati più sotto e che coinvolgono tutti i partecipanti.

Buona lettura.

 MARATONA DELLE DOLOMITI

Alta Badia, 2 Luglio 2017.

Siamo qui in un ambiente inconsueto per un’intervista: il locale sauna di uno dei più rinomati Hotel della valle.
I corridori del Genova che hanno da poco concluso la Maratona stanno facendo scarico, qualcuno – si verrà a sapere - ha già scaricato. Proviamo a cogliere le loro impressioni a caldo (seconda parte).

Marco Maciok, sempre grande quando la strada sale:
“Ragazzi e' stato un fine settimana da ricordare. Grandi prestazioni sportive. Bravi i grandi, brava la nostra Anna che non e' mai contenta delle sue splendide performances. Bravo anche lo sfortunato Claudio che e' stato come al solito un grande interprete. Il tempo ci ha facilitato il compito anche se con quei nuvoloni minacciosi ci ha privato degli immensi panorami a cui siamo abituati. Grazie a tutti in particolare ai miei compagni di appartamento. Un ringraziamento particolare a Paolo che si e' dato da fare x l'organizzazione.”

Gaetano ci tiene a precisare:
“Spadaccino Milano 1962! Categoria seconda giovinezza overall non pervenuta. Seconda partecipazione ed è sempre bello tornare in un posto meraviglioso che regala tante emozioni. L'attesa della partenza al freddo, bilanciato dall'abbigliamento, che ha favorito la prestazione. Affollamento ai primi tornanti e qualche caduta e si parte per la seconda avventura. Si conquistano i vari passi una bella velocità nella discesa per arrivare al Gardena (ho letto 78) sempre immersi in un panorama che vorresti fotografare tutte le volte che alzi lo sguardo. Nella discesa verso Corvara mi si infila un gatto sotto la ruota posteriore non cado e chiudo il giro. Di nuovo il Campolongo (due coi...ni) e poi il falzarego stanco ma con l'intenzione di non mettere giù il piede fino alla fine. Missione compiuta. Ora manca il val parolaccia la discesa e comincia la paura di non riuscire a fare il mur del giat. È fatta, gli ultimi km una passeggiata. Prendo medaglia, pioggia e torno verso il residence dove mi attende il secondo mur del giat. Con una bella compagnia si conclude la serata stanchi e soddisfatti. Ciao ragazzi ci vediamo alla prossima Claudio compreso.

Claudio insomma, cosa hai combinato?
“Avevo già avuto il privilegio di godere dell’evento e di questi posti due anni fa completando il medio; questa volta poche balle, l’obbiettivo era il lungo! Sono però andato troppo piano ed arrivato alla divisione dei percorsi 10 minuti troppo tardi. Un angioletto diceva pirla, se sei arrivato tardi ci sarà un motivo! Fai il medio. Il diavoletto diceva pirla, se fai il medio ormai il divertimento è finito, fai il lungo! Ci penso 60 secondi e prendo perr il lungo, senza chip, fuori gara e – mi hanno detto – senza assicurazione assistenza etc...Sul percorso però non trovo quasi più ciclisti, me ne aspettavo di più, attacco il Giau e sono quasi solo, supero uno quasi morto, un’altro che sale a piedi, ed una coppia lui e lei stranieri dalla divisa sgargiante. Hanno riaperto la strada, molte auto ma soprattutto moto, ma sono sempre più solo. Mi viene l’ansia: sul Giau ormai ci arrivo, ma poi c’è ancora molto, tutto il Falzarego, da solo, e se ho un problema, e se scoppia il caldo, e se piove, che ci faccio in mezzo al nulla senza assistenza...... Mi fermo ad un tornante per bere, quasi non mi accorgo che si accosta il carro scopa: “Hai bisogno?” Ci penso 30 secondi: “Sì”.
Sul carro ce ne sono già altri ed altri ne salgono dopo, è anche divertente; sul Falzarego ci sono ancora moltissimi ciclisti che salgono. Arriviamo a Corvara, monto in bici e mi metto in marcia verso l’ Hotel di San Cassiano. A La Villa incrocio i due dalla divisa sgargiante incontrati sul Giau: sono le 16:25. Se mi fossi aggregato a loro...Restano comunque la bellissima vigilia, la compagnia ed una lezione da imparare”.

William è raggiante, bravissimo:
“Forse non ero abbastanza preparato, forse sono ancora troppo schiappa in salita.. ma avevo detto medio ed é quello che ho fatto. Sono partito piano e ho cercato di gestire ma arrivato al Falzarego solo la testa mi ha portato in cima.. quella e la tanta tanta gente che non ti fa mai sentire solo. Ho fatto mezzo muro del gatto a piedi e sono arrivato senza forze ma questa é per me un impresa.. la prima, spero, di tante. Grazie a tutti voi per questi giorni, per i consigli, la compagnia e le risate.”

Pasqualino:
“Un percorso in un Posto unico fra i più' belli al mondo, la montagna e' simbolo di fatica noi che andiamo in bici la conosciamo bene, pero'! Che fascino pedalare insieme con persone di ogni angolo del pianeta e con il solo sguardo condividere l'emozione e la passione dal Pordoi al Sella al Gardena e arrivare al traguardo ogni volta per migliorare noi stessi. Sui pedali semper!”

L’altro Marco (possiamo chiamarti Marcone?):
“Mentre salivo sul Falzarego ho finalmente realizzato quanto sono fortunato: ero sano, a posto fisicamente, in uno dei posti universalmente riconosciuti fra i più belli del mondo, mosso dalla passione per la bici, fra persone che in silenzio condividevano la stessa passione e delle quali avvertivo la concentrazione, il respiro, la fatica e la voglia di arrivare e con l'obiettivo di dare tutto quello che potevo per migliorarmi e con dei meravigliosi compagni di squadra a distribuire nei momenti liberi compagnia, allegria e spunti di discussione molto interessanti. Non tutti hanno questa fortuna, e il solo fatto di aver vissuto questa esperienza e' un dono che dobbiamo custodire preziosamente.”

Damiano, repetita iuvant:
“Per me è stata la seconda partecipazione alla mdd, l'obiettivo questa volta era di portare a termine il percorso medio con 3000m di dislivello, mai fatti prima d'ora! Obiettivo raggiunto!! Anche se son partito piano e ho finito piano...ma l'importante per per era arrivare in fondo senza metter giù il piede neanche sul muro del gatto!! È così è stato!! Grazie a tutti e soprattutto al Gaetano con cui ho condiviso quasi tutto il percorso!”

Alberto il bardo, oggi alle prese con questioni molto più...fisiche:
“Grazie ad un cambio pettorale ci sono anch'io alla MMD e mi dicono che posso dormire in camera col Peruch. L'albergo ci comunica che il letto è matrimoniale, la tensione cresce, che si fa? Decido di sacrificarmi e propongo al Peruch di fare la mogliettina.. eh eh quando si è amici... all'arrivo i letti saranno separati togliendoci l'ansia da prestazione. Cerchiamo un posto dove cenare con la combricola genovina e ci divertiamo come vecchi amici al bar. Arriva il giorno della gara: tutto pronto tempo non bellissimo ma non piove. Sembra andare tutto alla perfezione quando prima della salita al Pordoi mi sento Tom, si Tom cagalin...cerco un albergo e mi infilo... esco alleggerito dai pensieri e via verso il medio che non è un dito ma il percorso che faró. Un'emozione stupenda: dolomiti, passione e voi, cosa voler di più? Un abbraccio a tutti voi, mi mancate già...” - Claudio De Girolamo

 16.07.2017 - LA CASARTELLI

Prometto, poi non vi tormento più! Mancano solo 5 giorni alla Casartelli ed anche gli ultimi accorgimenti organizzativi stanno andando al loro posto:

Giovedì 13 luglio - Ultimo giorno utile per iscriversi sul FOGLIO CONDIVISO e godere del servizio di ritiro pacchi gara messo a disposizione dalla società. Il pagamento deve essere fatto entro tale data  con il solito bonifico trasmettendo gli estremi a Patrizia oppure, sempre a Patrizia in contante la sera dalle 21: alle 23:00 in sede. La stessa sera in sede ci sarà il briefing pregara in cui focalizzeremo le modalità di partecipazione.

Sabato 15 luglio - Ultimo giorno in cui è possibile iscriversi alla manifestazione. Coloro che si iscriveranno i giorni 14 e 15 dovranno provvedere da soli alla procedura come da SITO UFFICIALE

Per superare le criticità organizzative del ritiro pacchi e chip la domenica mattina,  una nostra delegazione ritirerà sabato i pacchi gara ed i chip Winning Time dei soci iscritti collettivamente; detto materiale che verrà reso disponibile presso la sede dalle prime ore del pomeriggio di sabato (sarà inviato messaggio WhatsApp con l'indicazione precisa dell'orario)

Domenica 16 Luglio - Ritrovo in griglia, pronti a partire, alle ore 7:15. Partenza alle ore 7:30 all'appertura della griglia. Come spiegheremo al briefing i ritardatari non saranno aspettati.

Nel tratto inziale della manifestazione attraverseremo delle gallerie; si consiglia di munirsi di luci anteriori e posteriori ( verificate la carica delle  batterie)

All'arrivo consigliamo tutti i partecipanti a consegnare il numero di partecipazione ad un compagno che sicuramente resterà fino alla fine delle premiazioni. Ricordo che alla Casartelli, solitamente, vengono estratti a sorte dei premi sulla base del numero di gara. In caso di estrazione il fortunato deve presentare il numero di gara (non basta l'elenco di iscrizione) o non potrà ritirare il premio che verrà immediatamente assegnato tramite nuova estrazione.

Ricordo i termini per l'iscrizione: 25,00 euro dal 15 maggio al 14 giugno 2017, 30,00 euro dal 15 giugno al 7 luglio, 35,00 euro dal 8 al 15 luglio. La quota comprende iscrizione come da regolamento F.C.I., Pacco Gara, assistenza meccanica e medico-sanitaria, Buono Consumazione pasta party (aperto dalle ore 12:00). A questi costi deve essere aggiunto il costo di noleggio del chip "Winning Time" (come quello della Novecolli), per chi ne fosse sprovvisto, di 10,00 euro da anticipare all'iscrizione. Al traguardo, riconsegnando il chip, verranno rimborsati 5,00 euro direttamente al ciclista. L'uso del chip è obbligatorio pena la mancata rilevazione della partecipazione e l'inserimento, di conseguenza, nel punteggio di squadra.

FOGLIO CONDIVISO            SITO UFFICIALE

A presto.

Giancarlo Scalmana

 
 

 
 
                                                         A cura di Gionni Piuma 
 
 
Siamo anche su ... Facebook
 
 
news-footer2013
Se desideri non ricevere più questo notiziario? Unsubscribe