Questo sito utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.

Se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente. Scopri l'informativa e come negare il consenso.

Newsletter del 22 luglio 2017

Stampa
Se non riesci a visualizzare bene questo messaggio, clicca qui per vederlo direttamente dal nostro sito.
 
 
news2016 header
 

 

Newsletter del 22 luglio 2017

Notizie Flash - 21 Novembre 2017

Cari soci,

è con ritardo che vi aggiorniamo sulla nostra partecipazione, e vittoria (finalmente) alla Casartelli e sul prossimo appuntamento sociale a cui chiediamo a tutti di partecipare. Con questa prova entreremmo nel vivo della lotta per il Campionato Sociale 2017, scoprite quale sarà il terreno di battaglia di quest'anno!

 LA CASARTELLI

Ebbene ci siamo. Sono mesi che "martelliamo" affinchè la nostra partecipazione sia numericamente corposa e pregando che il tempo sia favorevole. Ne usciamo premiati in tutti i sensi.

L'organizzazione del Genova è quasi inappuntabile dall'iscrizione al briefing fino al ritiro dei pacchi gara per permettere a tutti  di presentarsi puntuali in griglia per la partenza. Da non credere: siamo in prima fila, i primi ad uscire dalla zona di partenza e ad affacciarsi sulla strada. Tutti insieme fino a Onno anche a costo di tirare un po' il collo a coloro che avrebbero gradito un'andatura più tranquilla. Alla deviazione 7 tirano dritto per raggiungere direttamente Bellagio ed il Ghisallo nel percorso medio. 28 salgono la Onno e tutti questi per il percorso lungo. Anche la raccomandazione di gettare il cuore oltre l'ostacolo, affrontare il percorso più lungo in base al proprio livello, viene raccolto. Nessuno farà il corto.

La temperatura è piacevole, quasi freddo giù dalla discesa della Colma in direzione Nesso. Qui, per l'inflessibilità di chi presidia l'incrocio e liberare lo spazio di svolta, dobbiamo dividerci in gruppi che, come previsto, tenderanno a ricompattarsi e a dividersi in maniera elastica a seconda della morfologia del percorso e delle possibilità di ciascun ciclista. Il ristoro in cima al Ghisallo è l'ultimo check point per fare il punto della situazione, presenti, ritardatari, condizioni di ciascuno etc...

Non resta che la discesa e l'ultimo, faticoso tratto in falsopiano per tornare ad Albese. Chi prima e chi dopo tutti tagliano il traguardo soddisfatti e speranzosi in un buon risultato di squadra. Lungo la strada ho visto gruppi numerosi, in particolare mi sono soffermato a chiacchiera con un esponente della Cama Group anch'egli curioso di sapere in quanti fossimo. Entrambi, come scoprirò più tardi, bariamo sui numeri ma capiamo che il risultato potrebbe essere in bilico con differenze minime. In effetti questa è la vera storia della Casartelli 2017!

Mentre stiamo finendo il pasta party cominciano ad arrivare le prime notizie ufficiali: secondi, Cama Group 3648, Genova 3489. Solo 159 punti di differenza, una persona sul lungo (114 punti) ed una sul corto (58 punti) in più e l'avremmo spuntata noi. Se l'anno scorso scoprire di essere arrivati secondi fu un piacevole momento, quest'anno si mischiano delusione, amarezza ed impotenza. Possibile, siamo sempre secondi? Ad aprire uno squarcio di speranza è la constatazione che qualcosa non va: nelle classifiche delle cronoscalate del Ghisallo (una per il medio ed una per il lungo) non tornano i conti dei nostri partecipanti. Celestino si accorge di non esser stato classificato e chiede la rettifica, accolta dai tecnici di Winning Time. Il risultato però non cambia così come la percezione nostra che qualcosa continua a non tornare.

Questa volta si attiva il presidente che chiede all'organizzatore un ricalcolo dei punti, richiesta che non può essere soddisfatta al momento in quanto, nel frattempo, i tecnici Winning Time se ne sono andati. Poco male, anzi meglio così avremo l'indomani il tempo di fare tutte le nostre verifiche. Già nella serata di lunedì è chiaro l'errore, anzi la sequenza di errori commessi dal servizio di rilevamenti tempi offerto da Winning Time (tra l'altro gli stessi che coprono anche la Novecolli!!): errato conteggio dei punti della Cama Group (sovrastimati), errato conteggio dei punti Genova (sottostimati), mancato rilevamento di due atleti Genova per mancata associazione chip/nominativo (Celestino e Anna). Come è finita lo sapete già, ce l'abbiamo fatta: Vittoria!!

Altra storia sarà recuperare il trofeo, per la nostra bacheca, e premio per la prima società classificata, una coppia di ruote Fulcrum.

 03.09.2017 - CAMPIONATO SOCIALE - GARA IN SALITA

Finito un tormentone ecco che ne inizia un altro (ma quanto lavorano sti consiglieri eh eh!). Classica gara in salita valida per il campionato sociale ma ambientazione completamente nuova. La location scelta quest'anno è assolutamente una new entry, almeno per il Genova: la salita che da Ballabio sale a Morterone, che, per la cronaca, è il comune più piccolo d'Italia.

È una bella salita, dalle pendenze dolci ma costanti, dove ci si può godere la pace la tranquillità e la natura, non siamo infatti molto distanti dal centro di Lecco, ma lontanissimi da traffico e smog, con un panorama spettacolare su Lecco che divide i due laghi, di Como e di Garlate, salendo lungo le pendici del monte Due Mani e lasciandoci alle spalle un lungo e tortuoso serpente d’asfalto.
La partenza è a Ballabio, lungo la via per Morterone, all’altezza dell’incrocio con via Sandro Pertini, da qui inizia la salita.

8,5 km., 540 mt. di dislivello dalla quota di 626 ai 1108 mt s.l.m., pendenza media 6%. A differenza di altre salite, qui la pendenza media abbordabile non nasconde impennate o muri a doppia cifra anzi, la salita procede sempre regolare, più di quanto non dica il grafico, tra il 4 e il 7%, salita per tutti quindi e terreno di battaglia per i "grossi" passisti-scalatori. La salita si caratterizza per i suoi 17 tornanti, di cui 14 nella prima parte e per il panorama che tutti potranno godere: la strada sale lungo la parete sud-ovest della montagna affacciata su Lecco e con vista sui laghi di Como (ramo di Lecco), Garlate, Annone, Pusiano, Alserio e tutta l'alta Brianza. Davvero spettacolare!

Due le notazioni di rilievo: al km 3,100 percorreremo una breve galleria (80-100 mt) buia ma ben pavimentata di cui, anche se tende a curvare a destra, si vede la luce di uscita; la sede stradale è abbastanza stretta (in certi tratti due auto faticano a passare) ma battuta pochissimo, asfalto granuloso e un po' sporca ai bordi (attenzione in discesa) ma priva di buche o rattoppi di rilievo.

Forniremo le info logistiche in una delle prossime settimane.

PERCORSO E GRAFICO


A presto.

Giancarlo Scalmana

 
 

 
 
                                                         A cura di Gionni Piuma 
 
 
Siamo anche su ... Facebook
 
 
news-footer2013
Se desideri non ricevere più questo notiziario? Unsubscribe